Giornata della violenza sulle donne – Tutte le iniziative nelle Marche

132

Un manifesto affisso in tutta la città per celebrare la giornata contro la violenza sulle donne. Il Comune di Fano ha tappezzato la città con un manifesto, anche nel formato gigante di 6×3 metri davanti alla stazione ferroviaria, realizzato dai ragazzi della 4B di grafica e comunicazione del Polo3 di Fano.

Gli studenti, coordinati dai prof. Anna Maria Ucci e Giovanna Paleani, Giampiero Valletta, hanno realizzato il progetto grafico che accosta il genocidio al femminicidio. “La ricerca grafica – spiega la prof.ssa Paleani, coordinatrice del progetto – parte dalla celebre foto del bambino del campo di concentramento di Auschwitz che si solleva la camicia, mostrando il numero di matricola dell’orrore per creare così un parallelismo con i dati allarmanti e in crescita dei femminicidi nel mondo fino ad arrivare, graficamente, a denunciare quello che possiamo considerare un ‘olocausto della Donna”.

La sensibilità dell’Amministrazione comunale è stata sottolineata dai docenti che hanno ringraziato il Sindaco, l’assessora alle Pari Opportunità Sara Cucchiarini, la dirigente Eleonora Augello e la sezione di Grafica per aver concretizzato e messo in luce questo messaggio fondamentale per la città di Fano, ribadendo ancora una volta il valore della donna.

Continua l’attività di prevenzione della Polizia di Stato di Ascoli Piceno in occasione della “Giornata internazionale contro la violenza sulle donne”, con la campagna di sensibilizzazione permanente “Questo non è amore”. Un progetto, ideato e promosso dalla Direzione Centrale Anticrimine del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, con l’obiettivo di superare gli stereotipi e i pregiudizi per diffondere una nuova cultura di genere e aiutare le vittime di violenza a vincere la paura, rompendo la fitta rete di isolamento e vergona.

L’attività della task-force della Questura di Ascoli, guidata dalla dirigente della Squadra mobile Patrizia Peroni, è quello di instaurare un rapporto di collaborazione e fiducia con i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado della provincia.

Il 25 novembre ci sarà la consegna di un opuscolo (in forma digitale) che oltre a riportare i numeri che cristallizzano i reati di violenza nei confronti delle donne, racconta anche storie reali il cui epilogo possa contribuire a scardinare ogni paura e rappresentare per le innumerevoli vittime di violenza di genere lo stimolo di chiedere aiuto e denunciare. L’opuscolo, tra le altre indicazioni, ci ricorda che in caso di emergenza si può chiamare il 112 o il 113 e che per segnalare situazioni di disagio, anche in forma anonima, si può usare l’App YouPol, con cui si può chattare con la sale operativa della Questura, inviando messaggi o immagini.

Anche la Questura di Ancona celebra la giornata mondiale contro la violenza sulle le donne con tante iniziative. Saranno messi a disposizione di tutte le donne, di tutti i cittadini, opuscoli creati appositamente per sensibilizzare le coscienze contro la violenza sulle donne in diversi posti: al Comune, alle Poste Centrali, alla Stazione Centrale di Ancona, all’Ospedale di Torrette e naturalmente in tutti i centri luoghi di sede dei Commissariati: “tutti i poliziotti della Questura, dei Commissariati di Ps e delle Specialità della Polizia di Stato saranno sempre accanto a chi ha bisogno”.

Nelle brochure anche le indicazioni per le segnalazioni, anche dei reati di violenza domestica, tramite la app YouPol.

La Polizia “è sempre presente, ancor di più oggi. In un momento così particolare le donne e gli uomini della Polizia ci sono, sempre accanto a chi ha bisogno; ogni giorno, ogni ora, ogni minuto, sempre, anche oggi con iniziative in tutto il territorio”. Da gennaio ad oggi la Divisione Anticrimine della Questura ha prodotto 10 ammonimenti ex art. 8 D.Lgs.11/2009,, la legge che prevede misure di contrasto agli atti di violenza sessuale o persecutori, ed “è sempre all’erta per ascoltare, consigliare e aiutare le donne vittime di violenza”