Gli rubano il portafoglio, lo investono e fuggono. Arrestati due finti poliziotti

191

CIVITANOVA – Prima gli rubano il portafoglio spacciandosi per finti agenti. Poi, inseguiti dal derubato, lo investono e fuggono senza prestargli soccorso.

Scena da film, ieri sera a Porto Sant'Elpidio, in Via Ungheria, la cui fine, è stata scritta a Civitanova, grazie alla “Volante” del Commissariato.

Tutto inizia intorno alle 23.50 quando gli agenti in servizio hanno incrociato una Volkswagen Golf di colore nero, incidentata sul lato destro, che viaggiava, a fortissima velocità, sulla carreggiata opposta. Effettuata l'inversione di marcia, i poliziotti, dopo un breve inseguimento, sono riusciti a bloccare il mezzo all’altezza della caserma dei Vigili del Fuoco. Alla guida S.L.A., 34 anni di origini pugliesi domiciliato a Porto Potenza Picena, pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, privo di patente poiché revocata. Con lui R.M., 37 anni anch’esso residente a Potenza Picena.

Durante il controllo – i due erano nervosi – la sala operativa ha riferito agli agenti di una rapina perpetrata poco prima a Porto Sant’Elpidio ai danni di un uomo. A quel punto, con l’ausilio di altro personale giunto nel frattempo sul posto, hanno ritrovato il portafoglio dell’uomo, la cui descrizione corrispondeva alla vittima rapinata poco prima. Portati in Commissariato, gli agenti hanno ricostruito quanto accaduto poco prima a Porto Sant’Elpidio in via Ungheria: i due uomini, fingendosi poliziotti in borghese, avevano fatto accostare un’auto chiedendo al conducente, con la scusa di un controllo di Polizia, di mostrare i documenti. A questo punto S.L.S. con una mossa repentina, si era impossessato del portamonete dell’uomo strappandoglielo di mano e dandosi a precipitosa fuga. Il derubato, un uomo di 64 anni residente in provincia di Ancona, risalito sulla sua auto, si era lanciato all’inseguimento dei due malviventi che, nella fretta di farla franca, sono finiti in una strada chiusa. A questo punto, pur di guadagnarsi la fuga, si sono scontrati con l’auto dell’uomo, che sceso dall'auto, è stato investito, procurandogli la frattura di una gamba oltre ad altre lesioni.

I due sono stati arrestati per rapina, omissione di soccorso e lesioni gravi ( S.L.A. anche per guida senza patente) ed associati al carcere di Camerino a disposizione dell’A.G.

L’uomo investito, immediatamente soccorso dal 118, è stato ricoverato in ospedale dove gli agenti provvedevano a restituire il portamonete sottratto dai due rapinatori uno dei quali S.L.A , già responsabile in passato di rapine ai danni di automobilisti con lo stesso modus operandi.