Il problema europeo dei casinò online

53

ATTUALITA' – Una multa di 2000 euro per violazione della legge sul gioco d'azzardo potrebbe presto portare a una condanna dell'Austria da parte della Corte di giustizia europea (CGCE).

Un cittadino tedesco che gestiva due casinò non dichiarati a Linz e Schärding tra il 2004 e il 2006 è stato condannato dal tribunale distrettuale di Linz nel marzo 2007 per gioco d'azzardo illegale. Ha presentato ricorso e può ora ottenere giustizia presso la Corte di giustizia europea a Lussemburgo.

L'avvocato generale della CGCE ritiene che la concessione di licenze per il gioco d'azzardo in Austria non sia conforme al diritto comunitario. Fino ad oggi, solo le società per azioni con sede in Austria potevano presentare domanda. Ciò viola il principio europeo della libertà di stabilimento, scrive l'avvocato generale in una dichiarazione pubblicata martedì. In quattro casi su cinque, i giudici dell'UE seguono le raccomandazioni degli avvocati generali.

La massimizzazione fiscale come obiettivo?

Se la Germania avesse davvero ragione, la multa di 2.000 euro sarebbe pari a zero. Al di là di questo, tuttavia, la decisione non avrebbe un impatto rilevante sul gruppo Casino Austria, che attualmente detiene tutte e 12 le licenze di casinò, secondo il ministero delle finanze e Casino Austria.

Tuttavia, la prossima gara d'appalto per le licenze dovrebbe essere a livello europeo. Questo, tuttavia, è previsto nel nuovo Gambling Act, che dovrebbe essere disponibile nelle prossime settimane, dice il ministero. La gara per sei siti, che scade nel 2012, sarà lanciata quest'anno. Fornitori privati come Novomatic o bwin sono stati ripetutamente citati come interessati. Negli ultimi anni sempre più fornitori hanno fatto domanda per le licenze dei casinò online e i nuovi arrivati qui presentati stanno invadendo il mercato del gioco d'azzardo online. La questione se i casinò saranno soggetti a una gara d'appalto individuale o globale non è ancora stata decisa, ha detto il ministero. Anche se l'Austria dovesse essere condannata dalla CGCE, le restanti licenze, valide fino al 2015, non saranno messe in gara prematuramente, ha detto il ministero. "Non interferiremo con i contratti esistenti".

L'avvocato generale della CGCE non chiarisce se il monopolio statale sul gioco d'azzardo in quanto tale sia contrario al diritto dell'UE. Qui la palla è di nuovo nel campo di Linz. La questione fondamentale è se Casino Austria sia solo un'alternativa "attraente" ai giochi proibiti o se "stimoli eccessivamente la domanda di gioco d'azzardo" attraverso una pubblicità mirata.

Inoltre, il Tribunale regionale ha dovuto valutare se la massimizzazione fiscale fosse l'obiettivo principale dello Stato nel settore del gioco d'azzardo. In tal caso, "la regolamentazione dei monopoli, con o senza pubblicità, viola il diritto comunitario", scrive l'Avvocato generale della CGCE. Tuttavia, è probabile che passeranno diversi mesi prima che venga presa una decisione definitiva. La CGCE deve prima pronunciare la sua sentenza, e poi è il turno del tribunale regionale di Linz.

La Banca nazionale, che deve essere completamente nazionalizzata, prevede di ritirarsi dal gioco d'azzardo; la sua affiliata Münze Österreich detiene poco meno di un terzo delle azioni. Considerata la situazione finanziaria tesa del settore, è sempre più dubbio che il co azionista Raiffeisen prenda una partecipazione. In ogni caso, la transazione deve avvenire solo dopo il rilascio della licenza.

Per qualcuno fare l'investimento prima di questa decisione è considerato irrealistico in considerazione della grande importanza della licenza. La concessione della licenza è fondamentale per l'esistenza di Casag. L'industria dei casinò online è sempre più regolamentata, come in Francia per l'ARJEL, e molti fornitori rischiano di diventarne parte. L'azienda è già in rosso in Austria e se le licenze andassero perse, le perdite esploderebbero.

Questo sarebbe "fatale" per Casag, secondo un documento strategico interno. Essa contiene inoltre una serie di scenari diversi, tra cui la chiusura dei siti di Baden, Bregenz, Kleinwalsertal e Vienna Kärntner Strasse. La regione orientale dovrebbe invece essere coperta da un nuovo centro di gioco d'azzardo, con Kursalon Hübner anch'esso in discussione. Inoltre, il gruppo vuole una protezione territoriale nel settore dei distributori automatici, che cannibalizzano il reddito del fornitore.