Macerata, il dottor Ripa positivo al Covid: il 4 gennaio aveva ricevuto la prima dose del vaccino

259

Il dottor Giordano Ripa, consigliere comunale con Delega Funzionale alla Sanità presso il Comune di Macerata e Dirigente Medico di I livello presso l’Unità Operativa di Medicina Generale dell’Ospedale di Macerata, ha comunicato la propria  positività all’infezione da SARS COV 2 riscontrata attraverso tampone molecolare in data 11 gennaio 2021. Il contagio potrebbe essere avvenuto, presumibilmente, nel periodo a cavallo tra gli ultimi giorni dell’anno 2020 e i primi del 2021, poiché in data 4 gennaio 2021 il tampone molecolare cui il dottor Ripa si era sottoposto era risultato negativo.  i contatti del dottor Ripa con la struttura comunale sono stati limitati (l’ultimo alla fine dell’anno) e sempre svolti nel rispetto delle norme anti contagio. Nessun dipendente comunale, in seguito a esami, è risultato positivo al virus

«Il 4 gennaio mi sono sottoposto alla somministrazione della prima dose del vaccino anti covid – ha spiegato il dottor Ripa che si trova in isolamento domiciliare -. Con sufficiente ragionevolezza c’è da pensare che in quella data ero già stato contagiato e l’infezione era nello stato di incubazione tant’è vero che a distanza di 3 o 4 giorni sono comparsi sintomi tipici del covid 19 (profonda astenia, dolori articolari e muscolari, cefalea, rinite, faringodinia, febbricola) attualmente in miglioramento. Alla sfortuna di aver contratto la malattia a ridosso dalla vaccinazione si unisce la razionale consapevolezza di avere una seppur relativa e parziale copertura conseguente all’attivazione del sistema immunitario anticorpale dovuta proprio alla prima infusione del vaccino stesso che dovrà essere completata dopo tre settimane con la somministrazione della seconda dose».

«I contatti del dottor Ripa con la struttura comunale – specifica l’Ente – sono stati limitati (l’ultimo alla fine dell’anno) e sempre svolti nel rispetto delle norme anti contagio. Nessun dipendente comunale, in seguito a esami, è risultato positivo al virus».

«Nella nostra realtà ospedaliera di Macerata, nel momento in cui si sono verificati focolai di positività al covid 19 – spiega Ripa –  in alcuni reparti la Direzione Medica Ospedaliera, la Direzione dell’Area Vasta 3 e la Direzione ASUR Marche hanno prontamente ed efficacemente circoscritto il focolaio in atto provvedendo all’immediato trasferimento nei reparti covid dei soggetti positivi – ha spiegato il dottor Ripa -. Si è inoltre proceduto all’esecuzione del tampone a tutto il personale sanitario e a tutti i ricoverati al fine di identificare l’estensione del contagio; al trasferimento dei soggetti risultati positivi presso le strutture covid e alla chiusura temporanea del reparto per la sanificazione e la successiva riapertura in tempi celeri».

«Colgo l’occasione, vista la mia esperienza, per ribadire la scrupolosa osservazione di tutte le regole anti contagio fino a quando non sarà avvenuta la vaccinazione di massa della popolazione che ritengo sia l’arma essenziale per sconfiggere la pandemia».