Movida del giovedì, “pugno di ferro”: locali chiusi all’una di notte e niente alcol

311

Il sindaco di Macerata Sandro Parcaroli, attraverso un’ordinanza da lui stesso firmata, utilizza il pugno duro per regolamentare la “movida” che caratterizza il centro storico del capoluogo nelle serate del giovedì sera.

Il primo cittadino sottolinea di essere arrivato a questa decisione a seguito dei “gravi episodi di degrado urbano legati all’abbandono, su suolo pubblico e privato, di rifiuti attinenti al consumo di alcol quali bicchieri e bottiglie” oltre che dei “problemi di ordine pubblico (risse, spaccio, ubriachezza molesta, rumori e schiamazzi) prevalentemente causati dall’abuso di alcol al centro di richieste di intervento da parte dei residenti”.

A ciò, evidenzia Parcaroli nell’ordinanza, si aggiunge il mancato rispetto della “distanza interpersonale” causato dalla “forte aggregazione di giovani”. Pertanto, il sindaco ha disposto “la chiusura delle attività di tutti i pubblici esercizi di alimenti e bevande, ubicati all’interno del centro storico, entro l’una di notte del venerdì”.

Entro l’una e trenta della notte del venerdì, inoltre, i locali dovranno “essere completamente sgomberi da clienti e avventori e, gli eventuali manufatti impiegati per l’occupazione di suolo pubblico, dovranno essere posizionati all’interno dei locali stessi o comunque essere resi inutilizzabili a chiunque” si legge nell’ordinanza, che specifica anche come “il venerdì dalle ore 24:00 alle ore 06:00, al fine di contenere l’inquinamento acustico” i locali dovranno adottare le “dovute misure per non rendere udibile la musica all’esterno dell’esercizio al fine di tutelare la tranquillità dei residenti”.

Si vieta, inoltre, la vendita per asporto oltre che il consumo al tavolo di bevande alcoliche nelle giornate del venerdì dalla mezzanotte alle 6 del mattino all’interno del centro storico. Dalle 23, invece, scatta il divieto di vendita da asporto di qualsiasi bevanda contenuta in contenitori di vetro e di alluminio e il divieto “da parte di chiunque di detenere qualsiasi bevanda contenuta in bottiglie o contenitori di vetro o di alluminio sulle aree pubbliche del centro storico”.

Verrà disposta anche la chiusura di via Don Minzoni per l’ingresso dei veicoli al centro storico di Macerata, tutti i giovedì dalle ore 22:30 fino alle 2 di notte del giorno successivo.

Da ultimo, a partire dalle 22 di tutti i giovedì sino alle 6 del mattino del giorno successivo, sarà obbligatorio l’utilizzo delle mascherine “da parte di chiunque, a qualsiasi titolo, si trovi, anche solo temporaneamente e/o occasionalmente, negli spazi pubblici ricadenti all’interno del Centro Storico”.

In caso di mancato rispetto delle disposizioni si prevedono multe da un minimo di 50 euro sino a un massimo di 3mila euro.