“Posti liberi al centro vaccinale di Civitanova”: Saltamartini denuncia il messaggio fake

219

Numerose segnalazioni, arrivate in queste ore, riguardano la ricezione – tramite il sistema WhatsApp – di un messaggio riguardante l’eventuale disponibilità di posti liberi al centro vaccinale di Civitanova Marche.

Il contenuto del messaggio è il seguente: “Al centro vaccini di Civitanova abbiamo posti liberi, se volete farlo prima (addirittura entro fine settimana) riprenotatevi con CAP 61012”.

L’informazione errata ‘gioca’ sull’equivoco che nel centro ci sarebbero i posti liberi e chiunque potrebbe recarsi, pertanto, al centro e avere la propria dose di vaccino.

La notizia è del tutto infondata ed estranea all’Asur, lo conferma anche l’assessore regionale alla sanità Filippo Saltamartini: “L’avviso che circola per i posti liberi a Civitanova Marche è falso. La nostra campagna di vaccinazione, pur con le difficoltà derivanti dai rifornimenti di vaccini, sta procedendo speditamente. Le Marche sono ancora in testa per efficienza nella immunizzazione”.

“Le informazioni possono essere assunte soltanto dal sito della regione Marche oppure dal numero verde regionale 800936677” ha evidenziato l’assessore.

“Si tratta di una ‘fake news’ resa pubblica con il deliberato intento di disinformare e creare scompiglio all’interno del nostro Centro vaccinale – afferma il sindaco di Civitanova Marche Fabrizio Ciarapica -.Pertanto invito la cittadinanza a non tener conto del messaggio, qualora sia arrivato nel proprio dispositivo, e anzi a cancellarlo per non ingenerare ulteriore confusione e catene fra utenti del tutto infondate”.

“Il comportamento di coloro che hanno ideato una tale idiozia non tiene conto del delicato momento che tutti noi stiamo attraversando, è offensivo dei cittadini che con senso di responsabilità stanno attendendo il proprio turno per la vaccinazione e è lesivo dell’immane lavoro che tutti gli operatori impegnati nel centro vaccinale, ormai da molte settimane, si stanno adoperando per il bene della sanità pubblica del nostro territorio – aggiunge Ciarapica -. Invito tutti a comportarsi così come è stato fatto fin qui e a seguire i canali istituzionali per provvedere a fissare il proprio appuntamento e ad attendere il proprio turno”.