Quali sono le app più scaricate in rete

121

Sono oltre 3 miliardi le app, applicazioni per dispositivi mobili, che sono state scaricate in tutto il mondo su un device come smartphone o tablet. Un dato che rende questo settore uno dei più fiorenti della rete se è vero che l’uso di app e degli smartphone continuano a crescere in modo vertiginoso, senza dare cenni di resa anche in proiezione futura.
Una crescita che è stata sospinta anche dagli eventi degli ultimi mesi, con la pandemia a farla da padrona, fattore che ha letteralmente acceso tutto ciò che transita all’interno di un contesto multimediale. In questo calderone sono finiti anche i download di app di ogni genere, per cercare di rendere la clausura il più possibile leggera.
Senza entrare nel dettaglio delle singole applicazioni, diventa interessante andare a capire quali sono le categorie più ricercate, quindi le tipologie di app che vanno per la maggiore, in questo caso con riferimento al nostro paese.

  1. App per social e serie Tv: sempre il tema della solitudine forzata in casa ha fatto deflagrare i dati, per la verità già alti, relativi all’utilizzo di app di social (Facebook e Instagram su tutti) e di piattaforme dove seguire le serie tv, da Netflix in poi. Si tratta di un fenomeno di costume ormai ampiamente acquisito, noto, che sta portando ad un cambio di abitudini tra i consumatori.
  2. App per home banking ed investimento: chiusi tra 4 mura, gli italiani si sono dovuti ingegnare ed hanno imparato ad utilizzare l’home banking; se fino a qualche tempo fa eravamo fanalino di coda per il ricorso alla gestione del proprio conto corrente tramite telefonino, oggi le cose sono cambiate. Di pari passo è salito anche il dato di chi si dedica ad investire tramite la rete, per mezzo di piattaforme multimediali o broker virtuali: si parla di investire con il trading online, esperienza che nasconde comunque una serie di rischi e complessità.
  3. App per dialogare con la Pubblica Amministrazione: in questo percorso di “multimedializzazione2 forzata, anche il tema del rapporto con la Pubblica Amministrazione ha impresso una svolta importante. Per capirlo basta sottolineare che una delle app maggiormente scaricate è quella relativa allo Spid delle Poste Italiane, strumento tramite il quale andarsi a creare una identità digitale per effettuare tutta una serie di operazioni burocratiche che solitamente richiedevano approccio di persona.
  4. App per call e videoconferenze: immancabili, sono state compagne di tutta la pandemia e dei relativi lock down. Le videoconferenze, con le quali si è iniziato a prendere confidenza proprio negli ultimi mesi. Per lavoro e non solo, anche per vedere amici e parenti quando si era confinati in casa; da Zoom a Google Meet, è stato un trionfo di download sui propri dispositivi mobile.