Sferisterio, grandi stelle per celebrare Anita Cerquetti

300

MACERATA – Tre serate per omaggiare il talento di una donna del nostro territorio.

Dopo il memorabile concerto del 2013 in cui è stato celebrato Beniamino Gigli e tutta la provincia si è stretta intorno al tenore di Recanati, quest’anno il progetto “Genius loci” del Macerata Opera Festival è dedicato al soprano Anita Cerquetti, cantante nata a Montecosaro. La Cerquetti è ritenuta, da numerose fonti autorevoli, la più grande voce verdiana del Novecento, nonostante una carriere breve, a causa di motivi di salute e di scelte personali. Si è esibita, già giovanissima, sui grandi palchi italiani e internazionali in opere di carattere drammatico. È nota al grande pubblico per aver sostituito Maria Callas, nel gennaio 1958, nel ruolo di Norma, in occasione della seconda e terza recita, dopo l’abbandono clamoroso del soprano greco-americano. Infatti, alla prima stagionale, dopo il I atto, la Callas, impossibilitata a proseguire per motivi medici, lasciò il Teatro dell’Opera di Roma in lacrime. L’episodio viene ancora oggi considerato lo scandalo più grande del mondo della lirica.

Le tre serate programmate sulla vita e sull’arte di Anita Cerquetti sono state presentate questa mattina dal presidente dell’Associazione Arena Sferisterio Romano Carancini, dal sindaco di Montecosaro Reano Malaisi, dal direttore artistico Francesco Micheli e dal direttore d’orchestra Alfredo Sorichetti. “Abbiamo scelto due anni fa di coinvolgere il territorio – afferma Carancini – e valorizzare i talenti della nostra provincia, spesso, non apprezzati in pieno nelle loro qualità artistiche”. Il primo appuntamento è giovedì 19 giugno, alle 21.30. Nel piazzale della Chiesa di Santa Maria a Piè di Chienti (Montecosaro), il direttore artistico Micheli conduce il pubblico in un appassionante viaggio dentro l’arte e la vocalità del soprano maceratese per apprezzarne da vicino il talento. Nuovo appuntamento l’11 luglio, “I migliori anni della nostra Anita”, sempre a Montecosaro, con Paolo Marinozzi, prima del culmine della grande festa allo Sferisterio, giovedì 7 agosto. “Un concerto tutto al femminile con le nostre prime donne del Festival – annuncia Micheli -. Oltre a me in conduzione c’è anche l’attrice Lella Costa, appassionata di opera e protagonista nel 2013 della produzione Sogni di una notte di mezza estate”. Sul palco, un cast di altissimo livello: Susanna Branchini, Fiorenza Cedolins, Daniela Dessì, Maria Dragoni, Sonia Ganassi, Jessica Nuccio e Rachele Raggiotti, vincitrice del premio “Sferisterio” al concorso di canto Anita Cerquetti dello scorso aprile.

Il concerto, realizzato in collaborazione con il Comune di Montecosaro, l’Accademia “A. Cerquetti” i Lions Host e Cluana e il Rotary di Civitanova, viene diretto dal Maestro Alfredo Sorichetti. Nel corso della serata è possibile contribuire al progetto “Aida per le donne etiopi” di ActionAid, realizzato in collaborazione con lo Sferisterio. Questa causa sociale ha motivato anche lo sponsor Eurosuole a sostenere la “Festa per Anita”. Lo spettacolo ha prezzi popolari – 5 euro per il loggione, 10 e 15 per i settori A e B, 25 per quello centrale, 35 per le centralissime e 50 euro per le poltronissime.