Sostenibilità ambientale, in 10 mila a Ecopolis

200

MACERATA – Si è conclusa nel migliore dei modi la due giorni dell’Abbadia di Fiastra dedicata alla sostenibilità.

Massima la soddisfazione degli organizzatori: “Abbiamo dimostrato come con pochissimi fondi, appena qualche migliaio di euro, sia possibile organizzare eventi molto partecipati su temi che stanno a cuore a molte famiglie”, così i Centri di Educazione Ambientale maceratesi esprimono il loro compiacimento. Oltre 10.000 le presenze che hanno animato tutte le iniziative previste nel programma: “Ciò è stato possibile grazie ad un ottimo lavoro di squadra e alla generosa disponibilità degli ospiti, nessuno dei quali ha chiesto un compenso per la partecipazione”.

Particolarmente interessante l’intervento di Federico Fazzuoli che nel talk show “Cibo e terra” ha descritto la società italiana odierna come totalmente cambiata rispetto alla sua Linea Verde: “oggi c’è il web e c’è l’Europa, ma c’è anche un livello di inquinamento e un diffuso malaffare, soprattutto nel settore dell’alimentazione, che sta compromettendo il futuro del nostro Paese”. “Occorre – ha proseguito il noto conduttore – un forte investimento per ampliare la cultura alimentare delle persone, in modo da mettere tutti nelle condizioni di saper scegliere, perché per fortuna esistono ancora molti esempi di buona e sana produzione agricola”.

Tanti i bambini che hanno popolato il giardino di “Nati per leggere”, creando un idilliaco angolo familiare fatto di genitori sdraiati su plaid impegnati nella lettura delle fiabe ai loro figli. Soddisfatti anche i selezionati produttori che hanno potuto far assaporare le loro delizie al grande pubblico: formaggi dei Sibillini, confetture naturali, vino biologico, birra artigianale, carne bovina marchigiana, pesce dell’adriatico; così come gli artigiani che hanno dimostrato ad un pubblico molto incuriosito la loro abilità manuale nella creazione di oggetti in ceramica e di terracotta. Molto interesse anche per gli incontri di approfondimento. Il dottor Amedeo Giorgetti, medico esperto in Scienza dell’Alimentazione, è intervenuto sulla recente teoria che vede le proteine animali responsabili di gravi malattie “spesso teorie nascono e svaniscono come se fossero mode, ma certo è che la carne rossa, per esempio, non può esser presente sulle nostre tavole se non una, o al massimo due, volte la settimana; per la vita sedentaria che la maggior parte di noi purtroppo fa, sono sufficienti le proteine che troviamo nelle verdure e nei cereali. Il segreto resta comunque quello di dedicare all’attività fisica un paio d’ore nel finesettimana e un’ora il martedì e il giovedì.”

Lo scrittore Mirco Rossi ha posto invece l’accento su quanta energia, non rinnovabile, ci costa oggi il cibo: “Per produrre una caloria di cibo ne occorrono da 7 a 10 di energia proveniente da gas, petrolio o carbone. In tutto il mondo il costo del cibo sta aumentando esponenzialmente e in molti Paesi in via di sviluppo questi picchi coincidono con guerre civili e esodi di massa.” Anche in questo caso, la via sostenibile consigliata dallo scrittore è stata quella di una drastica riduzione del consumo di proteine animali. “Abbiamo già in mente Ecopolis 2015 – fanno sapere gli organizzatori – non sveliamo per ora gli argomenti, ma possiamo garantire che sarà molto interessante e attuale come sempre”. Gli organizzatori dell’Expo sono avvisati… “Mi preme ringraziare – conclude Leonardo Virgili, coordinatore dei CEA – chi si è speso per l’ottima riuscita della manifestazione, senza l’aiuto dei quali non avremmo mai potuto organizzare un’iniziativa di successo con i pochi fondi a disposizione: la Riserva Abbadia di Fiastra, il Presidente dell’Assemblea legislativa delle Marche Vittoriano Solazzi, la Provincia di Macerata, i due Comuni ospitanti Tolentino e Urbisaglia, i produttori che hanno accolto il nostro invito, le associazioni Nati per leggere e Slow Food, tutti i media partner e in particolare seemc.it per la promozione che hanno dato all’evento, gli ospiti e gli esperti, Federico Fazzuoli, Mirco Rossi, l’assessore Paola Giorgi, il dottor Amedeo Giorgetti, Jacopo Fo, Ugo Pazzi, Gioia Castronaro, i CEA delle Rete Erica, Fontescodella, Abbadia di Fastra, Casa Ecologica, Villa Colloredo e Torricchio, i loro operatori e le infaticabili ragazze di Meridiana”.