TeleTrade: I commercianti di petrolio e i paesi esportatori scommettono su una brusca inversione di marcia

151

I prezzi del petrolio hanno fatto un’impressionante inversione di marcia questa settimana, solo un paio d’ore dopo che i mercati del carburante hanno dato un colpo di coda alle voci oziose secondo cui l’Arabia Saudita e altri paesi del Golfo stavano indagando sulla possibilità di un aumento della produzione. Il Wall Street Journal ha riferito chiaramente che un aumento della produzione di 500.000 barili al giorno (bpd) era in discussione prima del prossimo incontro del ​​4 dicembre dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e dei suoi alleati.

Alcune fonti giornalistiche suggeriscono che questa situazione potrebbe essere emersa in conseguenza del discorso dell’amministrazione della Casa Bianca al giudice della corte federale dove viene proposta l’immunità sovrana per il primo ministro dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman Al Saud per quanto riguarda l’uccisione del giornalista saudita Jamal Khashoggi nell’edificio del consolato a Istanbul quattro anni fa.

Vale la pena ricordare che proprio di recente, il 5 ottobre, il cartello dei paesi esportatori ha deciso di ridurre la quota di produzione di due milioni di barili al giorno, a partire da novembre. Pertanto, i futures sul greggio Brent hanno faticato a testare la barriera psicologicamente importante di $100 al barile durante la prima settimana del mese. Tuttavia, i crescenti timori di un indebolimento della domanda dall’Europa, che è ancora pesantemente colpita da una recessione, un rallentamento industriale in Cina per la sua persistente tolleranza zero ai nuovi picchi di COVID-19, nonché un eccessivo rafforzamento del Dollaro americano, potrebbe esercitare ancora pressione sui prezzi, commenta Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade, Ilya Frolov.

Il petrolio greggio Brent veniva scambiato a quasi $87 al barile prima che l’articolo del Wall Street Journal fosse pubblicato, ma poi i prezzi dei future del gennaio 2023 sono improvvisamente scesi a livelli inferiori a $82,5 al barile. Quello è stato il punto più basso degli ultimi dieci mesi, ma il rimbalzo di notizie molto confuse è stato ancora più forte. Un’inversione di marcia di ben 180 gradi, con il prezzo che è salito sopra gli 88 dollari al barile, dopo una dichiarazione perentoria di Abdulaziz bin Salman Al Saud, ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita. “L’attuale taglio di due milioni di barili al giorno da parte dell’OPEC+ prosegue fino alla fine del 2023 e se c’è bisogno di prendere ulteriori misure riducendo la produzione per bilanciare domanda e offerta rimaniamo sempre pronti ad intervenire”, ha detto, senza lasciare spazio a eventuali opinioni sull’aumento della produzione.

“È risaputo che l’OPEC+ non discute alcuna decisione prima della riunione”, ha aggiunto il ministro dell’Energia, come citato ufficialmente dall’agenzia di stato di stampa saudita. Dal punto di vista del buon senso, sarebbe anche molto strano che i membri del gruppo esportatore cambiassero idea e andassero nella direzione opposta, proponendo un aumento della produzione appena un mese o due dopo l’inizio di una fase di diminuzione per sostenere il mercato tra le crescenti preoccupazioni per le prospettive economiche globali.

In un modo o nell’altro, gli operatori sanno da dove partire e scommettendo su un rimbalzo moderato, mentre anche i paesi esportatori hanno beneficiato di tutto questo pasticcio momentaneo, infatti i prezzi del petrolio hanno raggiunto un limite critico intermedio, in attesa di un possibile calo, definendo un prezzo più o meno comodo di $85-95 al barile per i prossimi due o tre mesi.

Resta sempre aggiornato sull’andamento dei mercati finanziari con il Calendario Economico di TeleTrade

Disclaimer:

Le analisi e le opinioni fornite nel presente documento sono intese esclusivamente a scopo informativo ed educativo e non rappresentano una raccomandazione o un consiglio d’investimento da parte di TeleTrade.