Angurie, come coltivarle nel proprio orto: il metodo per avere tantissimi meloni

Hai mai provato a piantare le angurie nel tuo orticello? Con questo metodo potresti avere tantissimi meloni: come funziona.

L’anguria è sicuramente la regina dell’estate: questo particolare tipo di melone è indubbiamente il simbolo dei mesi più caldi dell’anno.

Coltivare anguria proprio orto
Coltivazione d’anguria (Foto Adobe) – lindiscreto.it

Il melone rosso è ricco di nutrienti e aiuta sicuramente a combattere il caldo: tutti dovrebbero consumarlo con grande regolarità, senza ovviamente oltrepassare i limiti e rischiare conseguenze devastanti sull’organismo. Il cocomero, in particolare, è fonte di vitamine antiossidanti (come la A e la C), vitamine del gruppo B e sali minerali come fosforo e magnesio.

L’apporto di zuccheri è pari a 3,7 grammi per ogni etto di frutto: per questo motivo è sconsigliato il consumo nei pazienti diabetici. L’apporto calorico è invece molto basso (16 kcal per 100 grammi di prodotto): il melone è ovviamente ricco di acqua (ben il 93% del totale). In molti vorrebbero ovviamente coltivare le angurie nel proprio orto: cerchiamo di capire come fare.

Anguria, come coltivarla nell’orto: così avrai tantissimi frutti

In questi giorni abbiamo visto come coltivare il gelsomino nel proprio orto. Oggi cerchiamo di capire come fare per coltivare le angurie.

Coltivare anguria proprio orto
Anguria nel terreno (Foto da AdobeStock) – lindiscreto.it

Il clima ideale è ovviamente quello estivo: il seme d’anguria nasce scopre ai 24 gradi e cresce con temperature vicine ai 30 gradi. Se il clima è freddo, bisogna procurarsi dei teli neri per scaldare le piante. Una temperatura al di sotto dei 14 gradi può invece distruggere addirittura la pianta. Il terreno dovrebbe essere acido e non arido.

Per avere meloni dolci il terreno dovrebbe essere preparato con stallatico e compost, senza dimenticare una buona percentuale di potassio. Dopo aver preparato il terrento con un letto di semina, mettete tre o quattro semi di anguria a 3 cm di profondità. Cercate di lasciare un paio di metri tra le file e circa un metro tra le varie piante, che richiedono molto spazio per crescere. Quando le piantine spunteranno, occorre diradarle. Importante la pacciamatura (ricoprire il terreno con un materiale per evitare la crescita di erbacce infestanti): si protegge il frutto da parassiti e dal marciume. Per quanto concerne l’irrigazione, nella prima fase di germinazione va fatta con regolarità. Evitare invece di usare l’acqua prima della raccolta per non alterare il gusto del melone rosso.

Coltivare anguria proprio orto
Fette d’anguria (Foto da Adobe) – lindiscreto.it

Nelle ultime fasi di crescita, infine, ricordate di girare ogni due giorni l’anguria: così facendo, il cocomero prenderà il sole a tutti i lati. Occhio però a non staccare il frutto con troppo anticipo: questa fase richiede infatti una grande concentrazione.