Commesse-sceriffo rincorrono due ladre e le fanno arrestare

84

POLLENZA – Rubano al Simply di Casette Verdini, a Pollenza e fuggono. Dietro di loro le commesse del supermercato che sono riuscite a farle arrestare.

A finire in manette due cittadine romene, A.M.C. di 18 anni e di I.A.M. di 29, entrambe con pregresse denunce per furti perpetrati a Roma un mese fa, i carabinieri del Norm di Macerata.

La cassiera, che le aveva viste uscire con fare quasi arrogante e sfacciato, con a tracolla delle borse strapiene di roba, ha subito dato l’allarme. Le due sono fuggite e l’impiegata, insieme ad altri dipendenti, le hanno inseguite per un lungo tratto di corsa. Nel frattempo hanno chiamato il 112 e poco dopo è arrivata la pattuglia autoradio del Norm che grazie alle indicazioni su dove erano nascoste le due romene, le hanno ritrovate. Si erano rintanate nel buio di un garage di un condominio non lontano. I militari sono entrati e le hanno arrestate in flagranza del reato di furto aggravato in concorso, rinvenendo anche l’intera refurtiva restituita al direttore del supermercato: oltre centocinquanta euro di prodotti cosmetici, 8 bottiglie di superalcolici e della biancheria intima.

Nella mattina di ieri una delle due donne arrestate (A.M.C.) era già stata sorpresa dai carabinieri della Stazione di Corridonia con un’altra connazionale P.J.S. coetanea a rubare nel supermercato Eurospin di Corridonia dove avevano asportato quasi 500 euro di generi alimentari costosi. Lì erano state sorprese dai carabinieri dopo una rapida indagine e rintracciate in zona in meno di un’ora dal fatto e denunciate a piede libero. Rilasciate dai militari nel primo pomeriggio, si sono riorganizzate con altre connazionali e probabilmente aiutate da qualcuno con un‘auto hanno pianificato il furto a Casette Verdini ma lì i carabinieri grazie alla prontezza dei dipendenti del negozio sono riusciti ad arrestarle. La pattuglia di militari del NORM è stata subito raggiunta dai colleghi della squadra motociclisti che hanno perlustrato la zona vicino il supermercato per ricercare fino a tarda serata i complici fuggiti. Da ieri sera le due donne sono state ristrette nelle camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri del capoluogo e domani saranno giudicate in Direttissima davanti al Tribunale di Macerata.