L’ex sindaco Montali scende in campo e fonda il circolo ‘Libertà e Giustizia’

PORTO RECANATI – Sabrina Montali, ex Sindaco di Porto Recanati, scende in campo per il futuro della città dove da vita al circolo di “Libertà e Giustizia”, la prestigiosa Associazione Nazionale di cultura politica e sociale, di Zagrebelsky, Bonsanti, Vannucci, Rodotà, Eco e Saviano.

Nella primavera del 2013 il centrosinistra Portorecanatese scelse di candidare l’avvocato Sabrina Montali alla carica di Sindaco, con in testa il Pd che, in mancanza di candidati idonei provenienti dalle sue fila, decise di lanciare un candidato della “Società civile”. Il centrosinistra vince e si insedia l’Amministrazione Montali, dopo un ventennio di egemonia di centrodestra; ma passa appena un anno ed il Pd diventa ( per evidenti contrasti su alcune questioni ed, in particolare, sulla lottizzazione cosiddetta del “Burchio”) il maggior nemico del proprio Sindaco e, dopo alterne vicende, lo delegittima e ne determina la caduta; facendo scattare il commissariamento, che terminerà nella primavera del 2016, quando è previsto il turno di elezioni amministrative che riguarderà anche Recanati, oltre a molte grandi città, tra cui Roma, Milano e Napoli.

"Le elezioni regionali del 2015 hanno visto un pd Portorecanatese in caduta libera ed un centrodestra ringalluzzito, che spera di rimontare in sella non tanto per merito proprio, quanto per la frantumazione del campo avverso. Ma evidentemente – fa sapere la Montali –  sia il fronte democratico che quello della Ubaldi percepiscono la difficoltà di riscuotere dai cittadini una fiducia che gli ultimi avvenimenti non hanno certo rafforzato. Di qui la ricerca di contatti fra i due fronti, tendenti ad una eventuale futura alleanza che si potrebbe definire “contro natura”, ma della quale parlano insistentemente le ultime cronache. Infatti e’ vero che il Pd, per sfiduciare la Montali si è messa oggettivamente dalla parte dell’opposizione ( come sembra potrebbe avvenire a Roma con il Sindaco Marino, anche lui sfiduciato dal Pd ) ma un conto è una situazione necessitata ed un altro conto è una alleanza di governo che farebbe a pugni con venti anni di opposizione del Pd alle giunte di centrodestra ed alla Ubaldi".

Con l'annunico della costituzione di un circolo di “Libertà e giustizia”, la Montali fa intendere chiaramente che continuerà a difendere le sue buone ragioni sostenuta dai cittadini di Porto Recanati "che in grandissima parte, vogliono correttezza, trasparenza, difesa del territorio e delle sue potenzialità, che sono ed erano alla base del mio programma di governo". Programma che ribadisce fermamente nel manifesto che segue, affisso nei giorni scorsi a Recanati: “Libertà e Giustizia: non chiediamo nulla per noi ma tutto per tutti. Il Tutto è stato lo stato di diritto e l’uguaglianza di fronte alla legge , è il rispetto della istituzioni e della dignità delle persone , la disciplina e l’onore di chi ricopre cariche di governo , l’autonomia della politica dall’ipoteca del denaro e dell’interesse privato nell’uso dei poteri pubblici, l’indipendenza dei poteri di garanzia e controllo, l’equità sociale, la liberazione dell’oppressione delle clientele, questo è quello che noi chiediamo, non per noi ma per il nostro paese.” Gustavo Zagrebelsky

"Il Circolo di Libertà e Giustizia, una libera associazione apartitica  che a livello nazionale raccoglie le migliori espressioni del pensiero giuridico,del giornalismo e del mondo accademico (Gustavo Zagrebelsky, Stefano Rodotà, Umberto Eco, Sandra Bonsanti , Vannucci ),  sarà luogo di dibattito culturale, di formazione civile e presidio di legalità costituzionale sul territorio, laboratorio di idee, da tradursi in progetti operativi calibrati sulle esigenze della nostra realtà territoriale, per la tutela dei diritti fondamentali riconosciuti ai cittadini dalla Costituzione, delle risorse ambientali, culturali e del paesaggio, della scuola. Dedicherà molta attenzione ai giovani e alla scuola sede primaria di formazione dei nuovi cittadini e di consapevolezza nella conoscenza dei propri diritti e doveri"

Impostazioni privacy