Nuovo Regolamento per gli Ingegneri: il Testo Unico 2018

286
corsi per ingegneri

LAVORO – Lo scorso 1° Gennaio il CNI, Consiglio Nazionale degli Ingegneri, ha pubblicato il Testo Unico 2018, un nuovo regolamento che racchiude in sé le linee di indirizzo utili a tutti gli ingegneri iscritti all’albo per assolvere l’obbligo di formazione professionale continua.

Il principio cardine del Testo Unico degli Ingegneri è quello di aumentare la qualità del servizio professionale offerto dagli ingegneri alla clientela tramite la valorizzazione delle attività formative e delle relative competenze certificate e l’implementazione di un modello formativo dinamico e sempre al passo con i tempi.

Testo Unico Ingegneri: Come ottenere CFP

Come già anticipato le attività formative, le competenze e le conoscenze che da esse derivano, sono il punto focale del nuovo regolamento per la formazione continua degli ingegneri. Tutto questo riconferma i CFP ,crediti formativi professionali, come metro di misurazione dell’aggiornamento professionale. Gli ingegneri iscritti all’albo devono obbligatoriamente risultare in possesso di un numero stabilito di crediti formativi che va da un minimo di 30 a un massimo di 120, di cui 5 devono necessariamente essere conseguiti nelle tematiche di “Etica e Deontologia Professionale”.

La restante parte dei crediti formativi potrà essere acquisita negli ambiti affini alla professione dell’ingegnere partecipando ad attività formative che possono essere di 3 tipi:

●     Apprendimento Non Formale, come corsi, seminari e conferenze;

●     Apprendimento Informale, come pubblicazioni, brevetti e attività soggette ad autocertificazione;

●     Apprendimento Formale, come master universitari e dottorati di ricerca;

Degno di nota è il fatto che il CNI, proprio in nome della promulgazione di un modello formativo proattivo che incontri le necessità dei singoli professionisti, ha confermato la validità dei corsi di formazione e aggiornamento svolti in F.A.D., o formazione a distanza, ed erogati in modalità E-learning.

Si tratta di corsi di formazione online per ingegneri accreditati e riconosciuti dall’ordine che, tramite un rigido e rigoroso sistema di conteggio delle ore di studio, assicurano a chi li frequenta e supera il test finale un attestato che certifica le competenze acquisite e ovviamente un numero specifico di crediti formativi professionali.

Ricordiamo che la verifica e il conteggio dei crediti formativi per ingegneri verrà effettuata il 31 dicembre di ogni anno, e che all’inizio di ogni nuovo anno verranno detratti 30 cfp ad ogni iscritto all’albo.

Esonero dall’obbligo formativo

Il Testo Unico degli Ingegneri 2018 prevede delle eccezioni in cui è possibile richiedere l'esonero dal conseguimento obbligatorio dei crediti formativi.

Si può infatti richiedere una riduzione pari a 2,5 cfp in meno ogni mese, dai crediti formativi detraibili annualmente (che ricordiamo sono 30), presentando un’istanza di esonero al proprio ordine territoriale in cui sia dovutamente documentata una delle seguenti situazioni:

●     maternità o paternità;

●     adozione o affidamento;

●     malattia o infortunio;

●     assistenza a persone affette da gravi malattie;

●     essere residenti in zone scosse da calamità naturali;

●     aver lavorato all'estero;

●     servizio militare volontario o servizio civile.

Per tutti gli altri iscritti all’albo l’obbligo rimane e in caso di mancato adempimento si andrà incontro a provvedimenti disciplinari e sanzioni stabilite dall’ordineche possono sfociare anche nella sospensione forzata dell’esercizio della professione.