Ciarapica Sindaco…ardacetece Erminio!!!

253

di Angelo Gattafoni
DITO IN UN OCCHIO – Fa caldo anche a Civitanova ed il luogo delle chiacchiere si è spostato dai giardini di piazza ai blocchi del molo.

Lì, con un inizio di abbronzatura da muratori i nostri eroi, Maretto “lo sgrisciato” e Marino “la grangeola”, hanno un argomento di non poco conto: l’esito delle elezioni comunali civitanovesi. Dice Marino: “ ma allora, mò, c’emo un sindeco fascistello? Perché, pporcco ddingi, so sentito che sta in un gruppetto ngò lo stalgico, me pare che se dice.”. “ O Marì, l’a ditto puramènde Ottavì Brini a la televisiò la sera de lo spojato. A spiegato che prima jé se dicia fascista, ppò, però, se de “mmosciato” e a dè dovendato un pezzo de pà. Daltronto, Ottavì a dè lo capo e, anghe se a Ciarapica no jè la darà la chiae de la cantina, lo deve fa passà pe uno guasci normale.”. “ Dici vè Marè, a Ottavì e combagnia jè nteressa la ciccia de quello che c’è rmasto da fabbricà. A Ciarapica, Troiani e Borroni, li farà jocà ngò via Almirante, rvestiti da valilla e candenne faccetta nera.”. “ Sci Marì, ngò le statuine de li sordati e la vattaja navale. Ma li deve d’accondendà anghe ngò che partecipata da rcoje sotto lo taolo de Ottavì. Semo messi proprio vè!! Ardacetece Erminio!!

E de quell’addri, Maré, che me dici, ngò la necca cha a pijato tutto lo cucuzzaro dé sinistra?”. “ Capisceme, Marì, Corvatta a fatto l’orrore de candidasse all’istesso anghe se, pè parecchio, Silenzi ha fatto lo schizzignoso. Duvìa capì che Giulio agghià stava a penza dò duvia taccà lo porco in casandro mai fosse rriata la mazzata.”. “Pporcco dingi, Marè, Citanò se po’ vandà d’esse comme li carabinieri: fedele in seculoru; perché, da trent’anni armeno, commanna o Giulio o Ottavì, l’Università de la politica, la dimostraziò che pé commannà vasta pòco, la faccia de vronzo e lo pelo su lo core.”. “ Me sa mejanne, Marì, de sapé la formaziò. Li giornali dice che lo sindeco vole rnoà e che dovrà sceje uno solo de lo duo nsolubile Marzetti e Carassai. Sarìa un dispetto pè tutti nuà, che ce recordemo quilli due ccorati pè fa le mejo sagre de la Regiò Marche. Venìa pure da Pitì pè magnà a sbafo. Corvatta sarà bono e caro, ma c’avìa mesto a sticchetto pporcco ddingi. Ogni orda che c’era l’inauguraziò de checcosa, ce se java in tandi pé sgranocchia e facce quarghe veuta: mango unneto d’acqua, pporcco ddingi!”. “ Purassà Marè, me sa che lì tembi no rvene più; solo in coppia quilli due putìa stroà la verva pè preparà magnate memorandu. C’era finamènde lo sitìn  ‘wwwcarassetti@ciauscolo.it’ che me vène lo patè d’animo a rpensacce, pporcco ddingi.”