Ciarlantini:”Spediti con il progetto giovani della Maceratese”

266

LEGA PRO – Mentre i vertici societari stanno lavorando per il varo della nuova formazione che si riaffaccia dopo diversi anni al professionismo con entusiasmo

, i responsabili del settore giovanile non rimangono certamente con le mani in mano, rilanciando anzi in ottica "prof".

"La stagione che sta volgendo al termine – è il commento del responsabile tecnico del settore giovanile, Giovanni Ciarlantini – si chiude nel migliore dei modi. Ora è però venuto il momento di pianificare al meglio la nostra linea verde ed iniziare a pensare con più ampi orizzonti. La SS Maceratese che prenderà parte al campionato Beretti ed al torneo nazionale Juniores, ai campionati Allievi nazionali e regionali ed a quelli Giovanissimi nazionali e regionali, dovrà soprattutto rivedere la struttura completa della Scuola Calcio inserendo input di rilievo, in modo da proporre una didattica ed un'organizzazione del sistema calcio di stampo professionistico. Dobbiamo farci trovare preparati ed è per questo che è nostra intenzione avvalerci della collaborazione del tecnico Ivan Zauli, ora al Brescia, che proporrà un programma annuale che prevederà incontri a cadenza mensile con il nostro staff di istruttori, in cui si proporranno azioni e didattiche propedeutiche al fine di far centrare i target da parte di ciascun istruttore, agendo quindi da distante con una "regia" programmata ed innovativa".

Nel frattempo si è iniziato a lavorare sul territorio, affinché la Maceratese divenga un punto di riferimento per le società limitrofe ed un mezzo per le stesse al fine di crescere insieme. "Abbiamo iniziato dei positivi incontri – conferma Ciarlantini – con i responsabili delle società calcistiche giovanili maceratesi per stabilire futuri rapporti di collaborazione. L'opera sta seguendo il suo corso".

Giocatori non solo della Maceratese ma soprattutto della Maceratese, in che senso? "Dovremo confrontarci con avversarie in un torneo professionistico – sottolinea Ciarlantini – ed è per questo che ci troveremo nella necessità di dover selezionare, anche da fuori, giovani calciatori che con il progetto Accademy troverebbero adeguata sistemazione al Convitto nazionale come nostri ospiti. I giovani protagonisti biancorossi della stagione passata, però, non debbono preoccuparsi. Il nostro obiettivo è infatti quello di colmare eventuali lacune tecnico-tattiche facendo ricorso a rinforzi da fuori, ma la nostra ottica sarà costantemente di far crescere e valorizzare gli elementi del nostro territorio, integrandoli con opportuni innesti, se e dove sorgeranno eventuali necessità tecniche e tattiche".

Per far questo servirà un parco istruttori-allenatori adeguato. "Ovviamente il nostro è un progetto a vasto raggio dettato dal salto di categoria della formazione maggiore ed è per questo che, progressivamente, comunicheremo i nomi di chi entrerà a far parte dello staff tecnico della Maceratese, volto al raggiungimento degli obiettivi programmati. Sono previste figure nuove di cui verranno chiariti i ruoli a tempo debito. L'importante sarà calarsi nell'ottica di un lavoro debitamente programmato e volto a far staccare la Maceratese dalla routine del tradizionale settore giovanile dilettantistico per promuovere una mentalità fin dai primi anni di Scuola calcio professionistica, al fine di perseguire la valorizzazione degli atleti del nostro territorio e farli divenire pezzi pregiati".

Sarà un anno agonistico di lavoro intenso ma che tutto lo staff tecnico giovanile biancorosso si aspetta denso di soddisfazioni.