Emozioni e remuntada, ma al Termoli non basta. Il Matelica vola alle fasi nazionali

98

Succede tutto e il contrario di tutto a Matelica.

Nella finalissima play off del girone F i padroni di casa di mister Carucci si portano fino al 3 a 1 e intravedono le fasi nazionali, ma una reazione rabbiosa del Termoli riporta la gara in parità e manda tutti ai supplementari. Extratime che, dopo i canonici 30 minuti, proiettano in paradiso il Matelica.

Sotto la direzione di gara di Fabio Schirru di Nichelino, assistito da Luca Spreafico di Lecco e Andrea Zanetti di Portogruaro, parte subito forte il Matelica che ci prova con Cacciatore al primo minuto, diagonale di poco a lato. Risponde il Termoli con Palumbo al sesto, pallone fuori. E al 12esimo i padroni di casa si portano in vantaggio: Patania respinge con i pugni una conclusione violenta di Mangiola, l’azione prosegue e Cognigni insacca di testa il cross di Cacciatore, con tocco determinante di Iboko che mette fuori causa il portiere giallorosso. Rispondoni i molisani al 14esimo con Palumbo che incorna di testa un traversone di Viteritti, palla sopra la traversa. Al 18esimo cross dalla sinistra di Basso, Miani è tutto solo davanti a Spitoni ma colpisce debole di testa e l’azione sfuma. Al 22esimo grande lancio in profondità di Moretti per Cognigni, l’attaccante è tutto solo davanti a Patania ma Fusaro compie un miracolo e recupera alla grande sventando la minaccia. Al 26esimo Basso trova Viteritti in area, ma la conclusione è centrale e Spitoni devia con bravura. Due minuti dopo è il Matelica a sprecare una grande palla gol con Cognigni, con Patania bravissimo a respingere il tiro face to face. Ancora Matelica al 30esimo: prima Cognigni di testa sfiora il palo, poi Cacciatore su punizione trova i pugni protesi di Patania a liberare l’area. Il Termoli ci prova allora con Palumbo, pallone altissimo. E al 36esimo il Matelica raddoppia: Scotini dribbla ed entra in area dalla destra, pallone basso per Lazzoni che colpisce indisturbato, deviazione con la coscia di Viteritti e palla in rete. Il Termoli sembra stordito, ma al 44esimo reagisce con il bel colpo di testa di Miani che non trova la porta e, un minuto più tardi, riapre la gara con lo stesso attaccante: cross dalla destra di Di Mercurio, stacco di testa dello stesso Miani e pallone in fondo al sacco.

Si va così al riposo sul due a uno per i locali. Inizia la ripresa e al nono il Matelica cala il tris: pallonetto di Cognigni che approfitta di una dormita della coppa Fusaro-Patania e palla in rete. Gara in discese per i biancorossi, ma appena due minuti più tardi i molisani si riportano in partita: sponda di Palumbo per Miani che scalda le mani di Spitoni, sulla ribattuta lo stesso attaccante è lesto a ribattere in rete. Al 14esimo gran punizione di Cacciatore, Patania respinge con i pugni. Ci provano Palumbo e Toscano tra il 17esimo e il 22esimo, ma il primo spara sull’esterno della rete e il secondo calcia altissimo. Poi, al 23esimo, la gara cambia: Moretti commette fallo a centrocampo su Mandorino, doppio giallo e Matelica in dieci. Il Termoli cerca di approfittarne subito, ma al 30esimo Spitoni è bravo a neutralizzare la conclusione di Palumbo. Ma un minuto dopo i molisani pervengono al pari: Cognigni strattona in area Palumbo sugli sviluppi di una punizione e viene ammonito: penalty per i giallorossi. Miani spiazza il portiere marchigiano e cala la personale tripletta. Ci prova anche Todino al 35esimo, ma la sfera termina di poco a lato. Stessa sorte per Mandorino, che al 40esimo non trova di poco la porta. E in pieno recupero giocata di Santoro sulla fascia destra, il baby giallorosso si accentra e prova la conclusione che fa la barba al palo con Spitoni immobile.

Si va così ai supplementari: al Matelica basta conservare il pari, mentre il Termoli deve vincere per proseguire la corsa play off. Al sesto minuto del primo tempo ci prova Mandorino su punizione, palla alta. E due minuti dopo è Patania a salvare il Termoli: l’estremo difensore respinge due conclusione ravvicinate di Cognigni e mantiene in vita i giallorossi.

Nel secondo extratime primi tentativi per Cacciatore e Miani, palloni lontani dal bersaglio grosso. Ci prova anche Santoro di testa al quarto minuto, pallone a lato. Risponde Gadda al sesto da fuori, palla a lato. Le squadre sono stanchissime e al 13esimo ci prova di testa il solito Miani su corner di Mandorino ma non trova la porta. E qui si spengono le speranze giallorosse: il Matelica festeggia e vola alle fasi nazionali.

Matelica – Termoli 3-3 (dts)

Matelica: Spitoni, Colantoni, Corazzi, Lazzoni, D’Addazio, Ercoli, Scotini, Moretti, Cognigni, Cacciatore, Mangiola; All Fabio Carucci

A disposizione: Passero, Silvestrini, Gilardi, Tonelli, D’Alessio, Gadda, Staffolani, Api, Campioni

Termoli: Patania, Viteritti, Basso, Ibojo, La Rosa, Fusaro, Di Mercurio, Mandorino, Miani, Palumbo, Todino; All Domenico Giacomarro

A disposizione: Silvestri, Bernabei, Ciogli, Lauria, Maggi, Manzillo, Nigro, Santoro, Toscano

Arbitro: Fabio Schirru di Nichelino

Assistenti: Luca Spreafico di Lecco e Andrea Zanetti di Portogruaro

Marcatori: Cognigni (12’ p.t., 9’ s.t.), Lazzoni (36’ p.t.), Miani (45’ p.t.; 12’ s.t., 31’ s.t.)

Ammoniti: Toscano (28’ p.t. gioco falloso), Cacciatore (35’ p.t. gioco falloso), Palumbo (44’ p.t. proteste), Moretti (9’s.t., 23’ s.t. gioco falloso), Di Mercurio (25’ s.t. fallo mano)

Espulsi: Moretti (23’ s.t. doppio giallo)

Note: Recuperi (1' s.t., 5’ s.t.;0' pts, 0' sts)