Favori in cambio di esenzioni fiscali: rinviato a giudizio l’ex direttore dell’Agenzia delle Entrate

170

Chiusa l’inchiesta a Pesaro nei confronti dell’ex direttore provinciale del 2017 dell’Agenzia delle Entrate. Per lui ed altri sei imputati la Procura ha chiesto il rinvio a giudizio ipotizzando, l “induzione indebita a dare o promettere utilità”.

Un’ottava persona indagata ha chiesto e ottenuto la misura alternativa della messa alla prova. L’ex direttore dell’Agenzia delle Entrate, col suo comportamento, avrebbe fatto ottenere uno sconto agli imprenditori ‘amici’ di 1,2 milioni di euro con evasione di tasse per 480mila euro.

Il nome dell’ex direttore, Elio Borrelli, 65 anni, è salito alla ribalta nel 2017 quando venne arrestato per ordine della magistratura di Venezia per aver realizzato lo stesso sistema: abbattimento degli accertamenti in cambio di utilità per il direttore. 

Il quale non sapeva che al momento del suo trasferimento a Pesaro era sotto intercettazione della Finanza di Venezia e dunque gli inquirenti prevedevano la replica del ‘protocollo’ Borrelli anche qui, cosa che si è puntualmente verificata.