L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

sabato, 15 agosto 2020

Ladri nella fattoria sociale: rubate attrezzature, papere e galline

FERMO - Furto nella fattoria sociale Montepacini di Fermo, ladri rubano attrezzattura ma anche papere e galline.

Hanno portato via anche l'olio. Un danno che il Centro Socio Educativo comunale e la Fattoria Sociale/La Talea hanno valutato in oltre 12.000 euro. "Ma il danno più ingente - fano sapere -  lo hanno subito i 16 giovani/adulti disabili dello CSER, le 3 borse di lavoro, i giovani volontari impegnati nel progetto, che hanno fatto del ritorno alla terra una ragione di vita. Come si fa ad infierire sugli inermi?".

Sparita tutta l'attrezzatura: motozappa ( donata dall'associazione Incompresi ), due decespugliatori, due tosaerba a scoppio, tutti gli attrezzi dei laboratori di falegnameria e giardinaggio, persino le carriole, le papere e gran parte della galline. "Le attivita' agricole di Montepacini hanno assicurato e assicurano il benessere, le buone relazioni, l'incremento dell'autonomia e dell'autodeterminazione delle persone disabili, la speranza in un mondo migliore e l'impegno per una economina sostenibile, equa e solidale da parte di tanti giovani, un'opportunità di lavoro per soggetti svantaggiati, persone fragili e migranti.  Vogliamo lanciare un appello alle istituzioni e alla società civile perché questo fatto gravissimo non lasci "in ginocchio" quella che da più parti, anche a livello nazionale, viene ritenuta una delle esperienze più significative di buone pratiche di agricoltura sociale e di collaborazione ( Comune, cooperative Cooss Marche e La Talea, associazione dei genitori e dei volontari Fattoria Sociale ). "Riusciremo a porre un argine alla disumanizzazione? - si chiedono ricordando che quanto accaduto era già successo un paio di anni fa, quando per ben quattro volte, Montepacini fu oggetto delle attenzioni di ladri e vandali. Questa volta però lo scenario è molto più avvilente e le conseguenze sono pesantissime.

Ferma condanna da parte del sindaco Calcinaro: '“Chi ha compiuto questo gesto si senta con la coscienza non a posto. Condanno fortemente questo grave atto di sfregio ed insulso non tanto per il valore economico di quanto rubato ma per l’azione in sé e per il luogo in cui è stato perpetrato, luogo preposto come noto ad un ruolo sociale di primaria importanza. Sono vicino ai ragazzi del Centro ed alle loro famiglie per quanto accaduto ma, come loro insegnano, questo fatto non ci scoraggerà, anzi faremo di tutto come sempre per sostenere il Centro e le sue attività perché crediamo fortemente nelle sue finalità”

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.