L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

martedì, 25 giugno 2019

Chiede l'elemosina davanti al centro commerciale: espulso clandestino

MACERATA - Due espulsi, un nigeriano ed un pakistano, e una denuncia per immigrazione clandestina nei confronti di una cittadina ucraina.

E' l'attività svolta nella mattinata di ieri dal personale dell’ufficio immigrazione di Macerata. Il cittadino pakistano, 35 anni, al quale era stato negato l’asilo politico, presentatosi presso lo sportello dell’ufficio immigrazione, è stato colpito da provvedimento di espulsione prefettizia e intimato dal questore a lasciare il territorio italiano entro 7 giorni.

Stesso iter burocratico, sempre dalla sezione espulsioni, nei confronti di un cittadino nigeriano, 27 anni, rintracciato dalla volante dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico nei pressi di un centro commerciale dove chiedeva l’elemosina. Il nigeriano, poiche’ privo di documenti e destinatario anch’egli di un rifiuto del permesso di soggiorno del questore di Macerata e del diniego della protezione internazionale, veniva colpito da espulsione emessa dal prefetto di macerata Iolanda Rolli e scortato dal personale della questura che lo ha accompagnato al centro di permanenza e rimpatri di potenza. i

Invece, una cittadina dell’ucraina, presentatasi per chiedere un permesso di soggiorno, è risultata clandestina e quindi denunciata all’autorità giudiziaria per il reato di immigrazione clandestina ai sensi dell’art. 10 bis del t.u. immigrazione. la stessa ha poi espresso la volontà di chiedere asilo politico.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.