L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

martedì, 21 maggio 2019

Mussolini, Andreotti, Berlusconi, Salvini. Italiani cornuti e mazziati

di Angelo Gattafoni
DITO IN UN OCCHIO -  Mi domando: cosa vogliono gli elettori della Lega? Quelli “storici”, dell’epopea della secessione, sono ormai in una contraddizione insanabile avendo rivendicato l’Autonomia della Padania contro Roma ladrona oggi, da loro stessi, ben interpretata.

Gli altri, i nuovi venuti, compresi i terroni, hanno visto in Salvini il baluardo contro i migranti invasori illudendosi che, senza di loro, l’Italia sarà il Paese delle meraviglie. Cioè gli elettori che si preparano a far diventare la Lega il primo partito italiano dimostreranno di essere una feccia politica come quella che portò al potere Mussolini; una massa informe di esseri disumani dominati dall’egoismo e dal terrore di perdere le quattro cianfrusaglie accumulate, magari fregando il prossimo. Cervelli inceppati e decrepiti incapaci di pensiero umano, menti stupide e perverse che, anche nei nostri territori, faranno danni incalcolabili. Non immaginano neanche che saranno cornuti e mazziati e, purtroppo, anche noi insieme a loro.

Salvini è un abile truffatore demagogo con deliri di onnipotenza, travestito da uomo di Stato grazie a chi lo ha votato e lo voterà: milioni di mostri creati dal “sonno della ragione” che sono in mezzo a noi in ogni dove. Sembrano persone normali, addirittura anche timorate di Dio che, nel seggio elettorale, come nei film orror, diventano orridi mostri per, poi all’uscita, trasformarsi di nuovo in uomini e donne qualunque. Costoro, ignari di tutto, sono lo strumento isterico ed ottuso in mano ad un caudillo da ricovero e ad una pletora di dittatorelli sparsi per l’Italia.

Da noi, per esempio, l’assessore civitanovese della Lega Cognigni, detto “ragazzo spazzola”, pare che dovrà far posto ad altri della filibusta cittadina ed, in primis, al Sindaco Ciarapica detto “Tartarin di Tarascona”. Lui ha già cominciato l’allisciamento, comunicando trionfalmente un evento storico: sequestrata a Civitanova la prima auto straniera in applicazione del decreto sicurezza e chiosando “Con Salvini nella giusta direzione”. Né mancherà il suo capo manipolo, il vice sindaco Troiani detto “La Ruspa che traccia il solco” che, conscio della sua capacità oratoria, non insulta più i civitanovesi, ma i potenti del mondo che sente al suo livello di massimo delirio. Di costui si dice che, dopo la vittoria elettorale, abbia confidato ai suoi che vuole fare importanti riforme, per essere ricordato dai posteri come il “Riformatorio”.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.