L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

domenica, 12 luglio 2020

Falsa birra artigianale, la Forestale sequestra un milione di etichette

PESARO - Smascherato dal personale del Nucleo Agroalimentare e Forestale (NAF) del Corpo forestale di Pesaro-Urbino, il commercio di falsa birra artigianale presso la grande distribuzione organizzata.

Dagli accertamenti condotti dalla Forestale è emerso che tredici tipologie di birra, prodotte in serie da imprenditori non artigianali, venivano commercializzate con la dicitura "artigianale", ingenerando nel consumatore il convincimento di acquistare una bevanda prodotta in quantitativi limitati e con metodi manuali.

Le indagini, condotte sotto la direzione della Procura della Repubblica di Pesaro, hanno portato all'emissione di un decreto di sequestro preventivo, da parte del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Pesaro, di oltre un milione di etichette fraudolenti che sarebbero state apposte, con probabilità , su birre industriali in vendita su tutto il territorio nazionale (ed anche all'estero).

I prodotti commercializzati, precisa la Forestale, sono genuini e non pericolosi e la grande distribuzione non è coinvolta in alcun modo nella frode. La condotta dei produttori e dei confezionatori delle etichette, non solo configura pubblicità ingannevole e concorrenza sleale, ma integra il reato di frode nell'esercizio del commercio, che prevede la pena della reclusione o della multa per chi consegna all'acquirente una cosa per origine, provenienza o qualità diversa da quella pattuita o dichiarata.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.