L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

domenica, 21 luglio 2019

Concessioni demaniali prorogate per 5 anni. Favia: "Un grave errore"

Niente proroga, per trent'anni, alle spiagge. Via libera, invece, al prolungamento del termine di cinque anni. La decisione arriva dalle commissioni Bilancio e Industria del Senato che va comunque contro il parere del Governo che si oppone a qualsiasi ipotesi di slittamento del termine del 2015, supportando la propria posizione con le osservazioni dell'Ue. “Un grave errore - commenta David Favia, capogruppo di IDV in commissione Affari costituzionali della Camera - , che può mettere a rischio il futuro di 30mila imprese italiane e 300mila lavoratori. Continueremo la nostra battaglia perché la proroga sia come quella spagnola e perché finalmente questo Paese possa dotarsi di una normativa seria sulle concessioni demaniali, che concili diritto al lavoro e tutela ambientale e escluda il settore dalla direttiva servizi. La concessione della proroga di 5 anni è ben poco risultato, ma sempre meglio di niente. Ci dà tempo e fiato per continuare la nostra battaglia. Lavoreremo perché il governo vada a Bruxelles e nella predisposizione del decreto, esoneri una volta per tutte le imprese balneari dall’applicazione della direttiva Bolkestein e tenga conto del modello legislativo spagnolo, che concilia il diritto al lavoro di 300mila lavoratori e la tutela dell’ambiente, Questo è quello che vogliamo e che perseguiremo con forza” conclude il capogruppo IDV in commissione affari costituzionali della Camera.

 

Pellegrinaggio

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.