L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

venerdì, 18 ottobre 2019

Famiglie marchigiane, -356 euro l'anno per spesa alimenti

Dal 2008 il reddito delle famiglie marchigiane è cresciuto dello 0,8 per cento, dieci volte meno rispetto agli anni precedenti, e le spese a tavola sono crollate del 6 per cento. E’ l’analisi della Coldiretti Marche diffusa in occasione della presentazione dell’ultimo rapporto Istat sui conti familiari nelle regioni italiane.

Nel periodo 2008-2011 il reddito delle famiglie marchigiane ha fatto registrare una crescita dello 0,8 per cento, ma se si analizzano i quattro anni precedenti (2004-2007) l’aumento era stato dell’11 per cento. Le conseguenze si sono registrate sulla spesa, a partire da quella alimentare, la cui incidenza è progressivamente diminuita, passando dal 20,4 per cento al 18,6 per cento del totale. Se quattro anni fa una famiglia spendeva all’anno 6.188 euro per mangiare, oggi si è scesi a 5.832, con un saldo negativo di 356 euro, e ciò nonostante i rincari dei generi alimentari sopravvenuti. Ma la tavola non è la sola a soffrire la crisi, sottolinea Coldiretti Marche.

La spesa per abbigliamento e calzature è passata dal 6,2 per cento al 5,4 per cento del totale, mentre l’arredamento scende dal 5,1 al 4,1 per cento. “Ora l’obiettivo è risollevarsi e rilanciare la nostra economia, creando un nuovo modello di sviluppo che punti sulla distintività – sottolinea il presidente di Coldiretti Marche, Giannalberto Luzi -, creando opportunità imprenditoriali e di lavoro anche in uno dei momenti più difficili per questo Paese”.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.