L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

lunedì, 15 luglio 2019

Regione a dieta, tagliati consiglieri e assessori

Consiglio regione MarcheUn Consiglio regionale composto da 30 consiglieri (invece degli attuali 42 più il presidente) e una Giunta regionale formata da non oltre sei assessori. Così l'Assemblea legislativa ha modificato,nel corso della seduta del 12 febbraio, lo statuto regionale. La deliberazione è stata approvata a maggioranza assoluta (20 voti favorevoli e un solo contrario) e sarà operativa a partire dalla prossima legislatura. Quella di ieri è stata la seconda e definitiva votazione sull'atto, già approvato l'11 dicembre scorso. La deliberazione prevede anche che il presidente del Consiglio e l'Ufficio di presidenza restino in carica 30 mesi.

Prima del voto alle modifiche statutarie l'Assemblea ha celebrato il "Giorno del ricordo". Ospite in aula il presidente del comitato provinciale di Ancona dell' Anvgd (Associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia), Franco Rismondo. "Penso che questa società - ha affermato il presidente del Consiglio, Vittoriano Solazzi - debba recuperare il senso ricordo perché pagine così dolorose della storia dell'umanità non possono essere girate per sempre". Franco Rismondo ha espresso "apprezzamento per la legge regionale sul Giorno del ricordo" approvata dall'Assemblea legislativa nell'aprile 2012 e citato le parole del discorso del presidente Giorgio Napolitano. "In questa giornata – ha aggiunto poi Rismondo - noi festeggiamo la vicinanza delle istituzioni per una tragedia che per tanto tempo è stata ignorata".

La legge regionale sul Giorno del ricordo è stata approvata nell'aprile del 2012. Si propone di conservare e rinnovare la memoria di tutte le vittime delle foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani fiumani e dalmati nel secondo dopo guerra. La legge promuove la conservazione e il rinnovamento della memoria legata alle vittime delle foibe e dell'esodo giuliano-dalmata e istriano, attraverso mostre, manifestazioni ed eventi anche nelle scuole per favorire la diffusione dei valori storici tra le giovani generazioni. La seduta consiliare è terminata con l'approvazione del Piano regionale per la promozione della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative 2013-2015.

Il piano, come ha sottolineato nella relazioni introduttiva la relatrice di maggiornaza, Rosalba Ortenzi, punta a "promuovere a livello regionale sport e attività ricreativa come elemento per la salute della persona ma anche per sviluppo di relazioni sociali e interculturali". Il documento prevede azioni e indirizzi per i prossimi tre anni di governo regionale. Per quanto riguarda i fondi per la sua attuazione "in questo momento di difficoltà economiche – ha sottolineato Ortenzi - caratterizzata dalle minore risorse pubbliche sarà quindi necessario diretto coinvolgimento di tutti associazioni, società e istituzioni". Il relatore di opposizione Francesco Massi (Pdl) ha posto l'accento sul valore della legge relativa al passaporto ematochimico criticando la poca attenzione rivolta alla normativa di cui le Marche dovrebbero andare fiere ma che "non è stata nominata nemmeno nel corso della giornata dello Sport, il 10 dicembre scorso a Fano"

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.