L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 16 ottobre 2019

Calzaturiero, l'Unione Europea finanzia i progetti sull'innovazione tecnologica

FERMO - I fondi ci sono, è necessario intercettarli. E' quanto annunciato da Gaetano Ascenzi, vice presidente di Confindustria Fermo e presidente del Sif

, presentando uno studio condotto sul tema dell'innovazione nei settori maturi nella sede della Camera di Commercio di Fermo che l’ha fortemente sostenuto. Fra questi settori c’è il calzaturiero, comparto che conta un’altissima concentrazione di attività nel nostro territorio, ma per il quale si chiedono finanziamenti a sostegno del design e della commercializzazione e non per la ricerca. “Oggi - ha detto Ascenzi - nel campo dell'innovazione l'Europa ha innestato il turbo, noi ed il nostro territorio non riusciamo a tenere il passo. Bisogna riuscire a non lasciarsi scappare questa opportunità, altrimenti c’è il rischio che fondi sostanziosi rimangano giacenti ed inevasi”.

Nel corso dell’illustrazione dell’indagine, condotta fra le piccole e medie imprese del Fermano e curata, oltre che dallo stesso Ascenzi, anche da Alessandro Panico e Stefano Berdini, è stato presentato, con un contributo video, a titolo d’esempio “Robofoot”, automa di fabbricazione italiana (frutto di una ricerca a tre italo-ispano-tedesca) antropomorfo in grado di replicare le azioni umane nell’atto di lucidare una scarpa. “La tecnologia è uno strumento, e non un fine, in grado di elevare in modo significativo la qualità del prodotto – ha sottolineato Ascenzi – e non ha certo lo scopo di sottrarre forza lavoro all’uomo ma di elevarne il livello specialistico e formativo. Si avrebbe la possibilità di attivare, al fianco della calzatura, un nuovo settore caratterizzato dalle tecnologie applicate alla produzione. Questo avrebbe due ricadute evidenti: incremento occupazionale e la creazione di un settore industriale sinergico alla calzatura in grado di compensare, essendo automazione industriale, le eventuali flessioni del calzaturiero che rimane l'unica produzione reale della nostra provincia"

“Questo progetto si innesta nel nostro più ampio ambito di collaborazione e partnership con il mondo della scuola – ha evidenziato Graziano Di Battista, Presidente della Camera di Commercio di Fermo – il nostro impegno va nella direzione di promuovere uno sforzo culturale e di sensibilizzazione nei riguardi dell’informatica e della tecnologia. Uno strumento di cui servirsi per la realizzazione del prodotto finale che sarà realmente completato solo con il tocco unico e originale che solo l’artigiano calzaturiero sa dare. In fatto di finanziamenti europei Unioncamere e associazioni di categoria recentemente hanno individuato dal complesso dei fondi strutturali europei 2014-2020 la possibilità di poter veicolare anche risorse significative per i nostri territori per agevolare e sostenere progetti ad hoc nel campo dell’innovazione e della ricerca”.

Lo studio sull’innovazione è contenuto nel primo numero di una serie di pubblicazioni che Confindustria Fermo editerà nei prossimi mesi con contributi scientifici e analisi micro e macro economiche del territorio del Fermano.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.