L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 23 ottobre 2019

Salumi conservati in cera d'api approdano all'Expo

MARCHE - Recuperare la cera d’api dagli scarti dell’alveare per conservare i salumi.

Parte da un’antica ricetta medievale l’esperienza dei salami ricoperti di cera, in mostra all’esposizione sui prodotti innovativi promossa al Padiglione Coldiretti, ad Expo. L’idea è di un giovane imprenditore agricolo, Mattia Pierleoni, che assieme alla famiglia alleva maiali e produce miele, oltre a gestire l’agriturismo Agririo di Tavullia, nel Pesarese. La cera prodotta dagli alveari rappresenta un rivestimento naturale che protegge il prodotto dopo il periodo della stagionatura, evitando l’utilizzo di materiali plastici, come per il sottovuoto. La protezione impedisce il rapido essiccamento del salame, garantendo la possibilità di fare scorte senza avere timore dei tempi di consumo e di spreco del prodotto. Ma l’esposizione dell’innovazione che salva l’ambiente vede anche un altro prodotto marchigiano esposto, i colori naturali di Oasicolori, con foulard tinti con gli scarti dell’orto, pannelli di legno verniciati con pitture ottenuti da latte e uova e le lane con le piante tintorie.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.