L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

venerdì, 22 novembre 2019

Sciopero pubblico impiego. Dalle Marche partiranno 6 pullman

Dopo le numerose assemblee organizzate dalla Federazione in tutti gli enti ed in tutte le aziende sanitarie della regione, che hanno visto il coinvolgimento di tantissimi dipendenti pubblici, in tantissimi parteciperanno allo sciopero generale del pubblico impiego indetto dalla UIL per venerdì 28 ottobre in Piazza Santi Apostoli a Roma. Saranno 6 i pullman che giungeranno a Roma partendo da Pesaro, Ancona, Macerata Ascoli e Fermo, con a bordo oltre 300 dipendenti pubblici marchigiani che manifesteranno nella capitale per riaffermare il valore del lavoro pubblico a garanzia della erogazione di servizi essenziali per tutti i cittadini, per razionalizzare quindi e riqualificare la pubblica amministrazione quale valore reale del Paese. “Sanità, scuola, sicurezza, non possono continuare a passare come il male che sta al centro della crisi attuale e diventare il capro espiatorio di un degrado ormai generalizzato della stessa politica che ha prodotto una situazione di fatto insostenibile. – afferma il segretario regionale della Uil- Fpl, Carlo Santini - Quindi un richiamo forte e responsabile ai governi centrali e locali a confrontarsi sulle nostre proposte per una amministrazione pubblica forte, garante dei diritti di cittadinanza, realizzata con la partecipazione dei pubblici dipendenti ai quali debbono essere riconosciuti il valore del proprio lavoro, il proprio orgoglio, la propria dignità”. “Il tutto – rimarca Carlo Santini - Per una migliore qualità dei servizi, per il rilancio della contrattazione integrativa, per la detassazione del salario legato al merito, per superare definitivamente il fenomeno del precariato, per la reale riduzione dei costi della politica e degli sprechi, per la proficua riorganizzazione dei governi territoriali con la eliminazione dei “doppioni” che moltiplicano i costi, per una alleanza con gli amministratori locali ed i cittadini contro le manovre del Governo centrale che avranno effetti devastanti non solo sul lavoro pubblico e sulle amministrazioni locali strette da pesanti vincoli di bilancio, ma anche su tutti i cittadini, che si vedranno aumentare le tasse e ridurre i servizi essenziali, per dire basta ai privilegi delle caste e porre fine ai privilegi dei soliti noti. E’ importante esserci - chiude il segretario regionale Uil- Fpl Santini - e noi dipendenti pubblici marchigiani ci saremo!! “

 

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.