L'Indiscreto Il Quotidiano Delle Marche

mercoledì, 13 novembre 2019

Marinelli: "Un 2011 per Civitanova e per la salute dei marchigiani"

Erminio Marinelli“Un anno intenso speso per migliorare la vita dei marchigaini e dei civitanovesi”. Così Erminio Marinelli ha definito il proprio 2011 da politico, il secondo anno speso come portavoce del Centrodestra all'Assemblea regionale.  Nella conferenza stampa di fine anno, tenutasi oggi al Caffè Hemingway di Civitanova Marche, egli ha ricordato i punti principali della sua attività puntando l'attenzione su quanto fatto per la città di cui è stato Sindaco. Dalle “battaglie per mantenere le fiere del nostro polo dopo la chiusura dell'Erf”, fino alle interrogazioni sulla situazione dell'Acom di Montecosaro per la ricerca oncologica fino a quelle sulla centrale a biomasse di Santa Maria Apparente “contro la quale mi sono speso per la salvaguardia delle persone e dell'agricoltura”.

Su un punto Marinelli si è soffermato più a lungo, quello della direttiva Bolkenstein “che rischia di sconvolgere l'economia del litorale e contro la quale sono riuscito a fare approvare una risoluzione definitiva condivisa da tutta l'Assemblea: un fatto che accade di rado soprattutto quando a fare le proposte è un consigliere di minoranza”. Ma l'unità sulle proprie proposte l'ex Sindaco l'ha ottenuta anche in un'altra occasione come ha ricordato in merito al ripascimento delle coste. Nel corso dell'incontro, Marinelli, medico di base, ha dedicato largo spazio ai temi della sanità criticando ampiamente il Piano socio-sanitario appena approvato “vuoto e con due due anni di ritardo”. “Un piano – ha ribadito -, che ignora l'area maceratese e schiaccia l'ospedale di Civitanova fra quello nuovo dell'Aspio e quello di Fermo”.

Sull'ospedale civitanovese Marinelli ha sottolineato anche la necessità di investimenti per specializzarlo nelle emergenze “per la vicinanza a nodi stradali importantissimi fra Quadrilatero e A14” e potenziarlo in molti reparti fra cui Ostetricia. Sempre sulla sanità il capogruppo di “Per le Marche” ha sottolineato le interrogazioni fatte contro la possibile chiusura del Centro di sorveglianza per i pazienti in terapia Anticoagulante di Macerata e la recente proposta di legge a favore delle medicine alternative.

“Una legge – ha spiegato Marinelli - sollecitata da Lucio Sotte, condivisa da tutti gli schieramenti e che spero venga presto inserita nel nuovo Piano”. Fra le leggi approvate Marinelli ha ricordato quella per le circa cinquecento famiglie marchigiane che dal 1981 vivevano nell'incertezza di vedersi sottratta l'abitazione ricevuta a seguito di sfratti. Mentre, nel novero dei successi, l'ex Sindaco ha naturalmente inserito anche la candidatura di Civitanova come sede del Museo regionale dell'emigrazione e il contributo dell'Assessorato alla Cultura regionale in favore di Popsophia “un'iniziativa bipartisan”.

In conclusione infine è tornato il Marinelli battagliero per denunciare gli sprechi della Svim (l'agenzia regionale per lo Sviluppo) sulla quale ha annunciato a breve notizie su una “parentopoli peggiore persino di quella che abbiamo visto nel Cup unico”.

I più letti

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui Per saperne di piu'

ACCETTA
© Quotidiano online L'Indiscreto - P.I. 01737070431 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 595 - Iscrizione al Roc (Registro Operatori della Comunicazione) Direttore Responsabile: Paola Verolini Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale é coperto da Licenza Creative Commons.